in

Le future navette che la SNCF vuole lanciare sulle piccole linee



Come in altre regioni, gli utenti TER in Bretagna richiedono regolarmente più frequenze durante il passaggio dei treni, anche riutilizzando le linee dismesse per soddisfare al meglio le esigenze della mobilità quotidiana, soprattutto per lavoro o studio.

Meno costoso e a basse emissioni di carbonio

Con l’obiettivo di raddoppiare la quota di treni in Francia entro il 2030, SNCF svilupperà nei prossimi anni progetti innovativi per treni leggeri e navette rotaia-strada per le aree locali. Un modo per indicare alle regioni, alcune delle quali stanno iniziando ad aprire le proprie reti alla concorrenza, che il gruppo potrebbe offrire loro, oltre al TER, soluzioni di mobilità più economiche e prive di carbonio per gli ultimi chilometri, anche nelle zone rurali aree, mentre sono facilitati i collegamenti con le linee intra e interregionali e le linee principali.

Il progetto della metropolitana leggera Draisy da 80 posti, su cui SNCF inizia a lavorare con partner industriali.
Il progetto della metropolitana leggera Draisy da 80 posti su cui SNCF inizia a lavorare con i partner industriali (SNCF)

Una navetta ibrida ferrovia-strada su linee brevi

Questi progetti, che partiranno nell’ambito della componente di innovazione del piano di risanamento, sono denominati in codice TLI, Draisy o Flexy. TLI per l’innovativa metropolitana leggera con circa 100 posti, più economica, più leggera e con minor consumo di energia rispetto a un vagone ferroviario convenzionale. E poi due formule ancora più leggere. Draisy si configura come un trenino 100% elettrico ad accumulo di energia, con una capacità di 80 posti, di cui 30 posti, che può viaggiare a 100 km/h su linee speciali. Quanto a Flexy, si tratta di una navetta rotaia-strada a 9 posti che può collegare le stazioni ai centri cittadini attraverso piccole linee attualmente chiuse da 10 a 30 km.

Flexy è una navetta ibrida rotaia-strada che SNCF prevede di sviluppare su linee ferroviarie attualmente dismesse.
Flexy è una navetta ibrida rotaia-strada che SNCF prevede di sviluppare su linee ferroviarie attualmente dismesse (SNCF)

Attuazione prevista nel 2028

I primi esperimenti sono previsti dal 2024 al 2025 su linee pilota e il dispiegamento – se questi progetti insieme a partner industriali si riveleranno economicamente fattibili – dal 2028. “Produciamo oggi il 10% dei passeggeri per km e lo 0,3% delle emissioni di CO2. Noi vogliamo fare ancora meglio nella mobilità a zero emissioni”, ha affermato Carole Desnost, Direttore Tecnologie, Innovazione e Progetti per il Gruppo SNCF. “Il nostro impegno nelle aree è avere un approccio basato sulle aree metropolitane, ma anche trasformare le linee secondarie in banchi di prova e poi soluzioni adeguate alle esigenze, così che la gente si dice: sono lontana da una stazione ma non da una linea ferroviaria “posso prendere il treno domani aggiunge.

Potrebbero esserci più treni in funzione e quindi un’offerta migliore

Queste innovazioni promuoveranno una migliore tempistica dei treni regionali? “Materiali meno costosi, meno consumo di energia con più servizi nelle vicinanze, sono potenzialmente più treni in circolazione e quindi un’offerta migliore”, risponde Carole Desnost. La SNCF spende 100 milioni di euro all’anno per l’innovazione, una quota finanziaria modesta in termini di investimento industriale da dispiegare, ma “una sorta di effetto leva per sostenere lo sviluppo di un settore ferroviario del futuro”.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Wilfried Romain eliminato da Top Chef mercoledì 6 aprile

4 internazionali marocchini nominati tra i 12 finalisti