in

“L’Europa bianca, ricca e cristiana si sta barricando. Ha paura degli africani, dei musulmani, dell’altro”

Per non perdere nessuna notizia africana, iscriviti alla newsletter di “Africa mondiale” tramite questo link† Ogni sabato alle 18 troverete una settimana di notizie e dibattiti dalla redazione del “Africa mondiale”

Visto a Marsiglia, 6 aprile 2022. Assemblea dei manifesti elettorali dei due candidati selezionati per il secondo turno delle elezioni presidenziali del 24 aprile: Emmanuel Macron (LRM) e Marine Le Pen.

Nacer Djabi è un sociologo che vive ad Algeri. Autore di numerosi lavori sui movimenti sociali e sul lavoro sindacale in Algeria, ha pubblicato il libro nel 2019 Movimenti Amazigh in Nord Africa (Edizioni Chihab).

È una delle ispirazioni del Call del 22 ottobre 2020, chiamato anche Nidaa 22, che riunisce attivisti di Hirak, il movimento antisistema che vuole organizzarsi. “una vera transizione democratica” in Algeria.

Come vede questa campagna elettorale in Francia? Cosa pensi che rifletta sull’evoluzione della società francese?

Nacer Djabi La Francia sta attualmente vivendo una situazione che non le è specifica. Può essere visto anche in tutta l’Europa occidentale e anche oltre. I partiti di sinistra tradizionali sono deboli, i movimenti sociali sono deboli. Al contrario, la destra e l’estrema destra stanno avanzando. Lo sentiamo in pratica, nei discorsi. Lo vediamo anche tra i partiti politici e le élite. È una reclusione. L’Europa bianca, ricca e cristiana si sta barricando. Ha paura degli africani, degli arabi, dei musulmani, ha paura dell’Altro.

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti Con Charonne, Emmanuel Macron continua i suoi monumenti commemorativi intorno alla guerra d’Algeria

Non avrei mai pensato che qualcuno come Zemmour potesse esprimersi in questo modo, quasi quotidianamente, nei principali media francesi. È nuovo. Le Pen senior non aveva mai approfittato di questo tipo di privilegio. Chirac lo aveva persino sfidato come partner in uno spettacolo. Zemmour in questi giorni dice cose che io, un algerino che vive in Francia negli anni ’80, trovo molto scioccante, ho studiato e sapevo qualcosa della vita intellettuale e culturale francese.

A cosa attribuisci questa banalizzazione del discorso di estrema destra?

Questo fenomeno non riguarda solo la Francia ei francesi. Abbiamo anche un tale discorso sull’identità populista e di estrema destra in Algeria. Non è molto chiaro sui canali televisivi, ma esiste sulla stampa scritta e tra le élite politiche. Questa tendenza alla restrizione dell’identità è internazionale. Ma solleva interrogativi sulla Francia, che era una civiltà dell’apertura.

Quali potrebbero essere le conseguenze per l’Algeria se Marine Le Pen sale al potere in Francia?

Ciò interromperebbe le relazioni algerine-francesi. Temo soprattutto gli immigrati, gli algerini che vivono in Francia da generazioni. Non credo a quello che ha detto Marine Le Pen durante la sua campagna, quando ha cercato di presentarsi come una donna simpatica e dolce. Vuole farci credere che ha fatto un taglio con suo padre. Ma suo padre era un torturatore in Algeria. Lo dice e ne va fiero. Ha fatto il bagno in questo ambiente. Non credo possa passare, ma è un rischio. L’estrema destra è in circolazione da molto tempo in Francia.

Hai ancora il 62,34% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Il futuro film sull’eccellente videogioco It Takes Two è un’aberrazione capitalista

Barca eruttare di nuovo al Camp Nou