in

L’imperatrice al MTELUS | L’attesa sarà valsa la pena! – Sorts-tu.ca – De Sorteux Webzine

L’imperatrice al MTELUS |  L’attesa sarà valsa la pena!  – Sorts-tu.ca – De Sorteux Webzine
L’imperatrice al MTELUS |  L’attesa sarà valsa la pena!  – Sorts-tu.ca – De Sorteux Webzine

L’imperatrice era molto attesa. Avrebbe benedetto la nostra isola due anni fa con la sua traversata. I suoi fan hanno conservato i biglietti con cura, in attesa che le misure consentissero un evento del genere. Non bramano invano.

Sono stati finalmente in grado di lasciarsi andare al ritmo delle canzoni di punta del gruppo, in particolare quelle del loro album più recente, Tako Tsubo, dal nome di una frase giapponese che significa cuore spezzato. Uscite un anno fa, le sue melodie, che hanno accompagnato gli ascoltatori durante parte della pandemia, sono state in grado di trascenderle dal vivo al MTELUS sabato sera.

Così i cuori di centinaia di persone si sono sintonizzati sul ritmo del pop francese e della nuova musica disco cosmica di Charles de Boisseguin e Hagni Gwon alle tastiere, David Gaugué al basso, Achille Trocellier all’elettrico, Tom Daveau alla batteria e Flore Benguigui alla voce .

Lo spettacolo si è svolto in una stanza buia, ma colorata dalla luce, a volte stroboscopica, facendo risaltare le sagome dei corpi vestiti di rosso dell’Imperatrice. Si sono radunati sul palco, con i cuori luminosi sul petto, e hanno portato i loro successi in effetti di luce colorati come loro, sotto un poster del loro emblema e un enorme cuore spezzato.

La serata non è stata ancora straziante, tranne che si è rivelata catartica. Un pubblico frenetico ed eterogeneo, che riunisce generazioni e stili, ha acclamato calorosamente L’Impératrice non appena è salita sul palco. Lo spettacolo imperiale non ha esitato ad addentrarsi nel cuore del loro lavoro. Canzoni accattivanti e popolari, come ematoma e Arrabbiato, frammenti socialmente impegnati di essenza femminista, hanno fatto girare le palle. Il pubblico ha già applaudito all’unisono, ballato con Flore e cantato anomalia blu con il gruppo. La cantante ha offerto una performance accattivante, con la sua voce ei suoi movimenti precisi e incantevoli.

La dimensione agrodolce della band è stata esplorata in canzoni come sottomarinoiniziando con una voce robotica in una misteriosa nebbia turchese, e Sonata silenziosa† Quest’ultimo è stato prima presentato da uno dei membri, poi ognuno di loro ha portato la major sul palco, suonando per e con il pubblico in una piccola coreografia che ha riunito i tastieristi, poi i chitarristi, schiena contro schiena, affascinando il pubblico. † Tutti dotati di un’incredibile presenza carismatica, la loro gioia di esibirsi divenne palpabile in divini voli melodici.

L’ultima visita dell’Imperatrice a Montreal risale a quattro anni fa. A metà dello spettacolo, durante un breve passaggio, presumibilmente per accoglierlo a casa, il pubblico del Quebec ha cantato il loro famoso “Olé… Olé, olé, olé!”. Flore ha colto l’occasione per rivolgersi a loro per offrire loro un’esperienza immersiva, affermando che “nel profondo di ogni uomo dorme una donna” e informandoli che “il gruppo si chiama L’Impératrice, perché qui tutti si sentono a proprio agio con la sua femminilità, quindi ha invitato tutti a lasciare che questa donna si esprima e urli! Probabilmente il tetto del MTELUS è stato sollevato!

paura delle ragazze era il logico passo successivo, proseguito da Errore 404, Vacanze, Matahari, Aquadanse : titoli che ti faranno venire voglia di ballare più degli altri. La folla era consapevole, l’intero pubblico si è persino accucciato durante una canzone, per poi esplodere nello stesso momento, in un movimento dinamico.

Fu richiesto un richiamo e l’imperatrice lo accolse. Un folle assolo di percussioni, di Tom, è iniziato e si è trasformato in Fragola alla vaniglia, che ha fatto sobbalzare il pubblico di gioia ed eccitazione quando l’ha riconosciuta. il classico turbolenze tropicali seguito. L’ovazione risuonò in sala. L’Imperatrice ha lasciato il suo pubblico in una lunga e impennata sessione musicale con brani che ricordano i loro successi, che non ha lasciato nessuno impassibile. Lo spettacolo si è concluso come era iniziato, su una nota di ballo nello spirito dei rave dove tutti, artisti e spettatori allo stesso modo, vivono e vivono in simbiosi.

Lasciando il MTELUS, si sente la voce di un fan: “Montreal non è morta! †

Come l’Imperatrice, che non ha lasciato tempo ai nostri cuori per festeggiare. Il tour del gruppo si sposterà al Coachella quest’anno poiché il sestetto fa parte della formazione del 2022, posticipata dal 2020.

Kate Bollinger

La prima parte di questa serata è stata Kate Bollinger.

Senza pretese, lei ei suoi tre musicisti, di cui uno alla batteria e gli altri alla chitarra (su cui ha anche strimpellato alcune canzoni), hanno affascinato il pubblico di Mtelus. In tutta leggerezza Kate ha intonato il suo registro con suoni indie, che ricordano il dreampop e il lo-fi più rilassato, ma ballabile. Il pubblico è stato scosso dolcemente, senza troppa nostalgia, ma con quel tanto di entusiasmo per avviare lo spettacolo. Kate e la sua band hanno ricevuto un caloroso applauso a ciascuno dei loro spettacoli e si poteva vedere il suo sorriso che si allargava al balcone.

The Empress Setlist MTELUS, Montreal, QC, Canada 2022, Tako Tsubo Tour

Foto in blocco:

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

i dipendenti possono beneficiare di un bonus di 3000 euro, ecco i coinvolti

i dipendenti possono beneficiare di un bonus di 3000 euro, ecco i coinvolti

Shehbaz Sharif, uscendo dall’ombra del fratello, guiderà il Pakistan

Shehbaz Sharif, uscendo dall’ombra del fratello, guiderà il Pakistan