in

L’OMS “raccomanda vivamente il farmaco antivirale di Pfizer per i pazienti a rischio”

pubblicato venerdì 22 aprile 2022 alle 00:24

L’OMS venerdì ha fortemente raccomandato il paxlovid antivirale del gruppo farmaceutico americano Pfizer per i pazienti con forme meno gravi di Covid-19 e “a maggior rischio di ricovero”.

Ma similmente a quanto accaduto con i vaccini Covid, l’Organizzazione Mondiale della Sanità è “molto preoccupata” che i paesi meno ricchi facciano ancora fatica ad accedere a questo farmaco. †

Secondo un articolo del British Journal of Medicine, per gli esperti dell’OMS, la combinazione nirmatrelvir/ritonavir è “il farmaco di scelta” per i pazienti non vaccinati, anziani o immunocompromessi.

Per lo stesso tipo di pazienti e sintomi, l’OMS ha anche emesso una “raccomandazione debole” per remdesivir dal laboratorio statunitense Gilead, che in precedenza lo aveva sconsigliato.

Paxlovid è preferibile al molnupiravir o al remdesivir di Merck, così come agli anticorpi monoclonali, specifica l’organizzazione, che continua a fare campagna per la vaccinazione.

“È fondamentale impedire alle persone di sviluppare una forma grave della malattia, la morte. E la vaccinazione è un intervento importante per la prevenzione”, ha sottolineato il dott. Janet Diaz, leader del team clinico responsabile della risposta al Covid-19 in una conferenza stampa a Ginevra.

Paxlovid “riduce maggiormente i ricoveri ospedalieri rispetto alle alternative, presenta meno rischi potenziali rispetto all’antivirale molnupiravir ed è più facile da somministrare rispetto alle opzioni per via endovenosa come il remdesivir e i trattamenti con anticorpi”.

Gli studi hanno rilevato 84 ricoveri in meno ogni 1.000 pazienti, nessuna “differenza significativa nella mortalità” e “poco o nessun rischio di complicanze che portano all’interruzione del trattamento”, sottolinea l’OMS.

Questa raccomandazione si applica alle persone di età pari o inferiore a 18 anni e non si applica alle donne in gravidanza e che allattano.

Inoltre, non si applica ai pazienti a basso rischio di complicanze perché gli effetti positivi sono minimi.

Gli esperti hanno anche rifiutato di commentare i pazienti con una forma grave della malattia a causa della mancanza di dati.

– Limiti –

Tuttavia, l’OMS sottolinea i limiti di questi trattamenti antivirali: in particolare, devono essere “somministrati il ​​prima possibile all’esordio della malattia”, il che presuppone anche l’accesso a test per rilevare l’infezione e ad un medico per confermare la diagnosi . . e prescrivere farmaci.

Paxlovid deve quindi essere assunto per via orale per 5 giorni consecutivi e soprattutto meno di 5 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi.

Nel caso di remdesivir, questo è fino a 7 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi e deve essere somministrato per via endovenosa nell’arco di tre giorni.

Una barriera nei paesi a basso e medio reddito.

Per quanto riguarda costi e disponibilità, l’OMS chiede a Pfizer di essere più trasparente e aperta.

Secondo il dott. Lisa Hedman, responsabile dell’accesso ai farmaci dell’OMS, ha rivelato alla radio pubblica statunitense NPR un costo di $ 530 per un corso completo di paxlovid negli Stati Uniti, un’altra fonte non confermata dall’OMS e ha riportato un prezzo di circa $ 250 in un paese con un reddito medio-alto .

Per remdesivir, il costo per fiala è di 520 USD, spiega Lisa Hedman, ma da 53 a 64 USD per la fiala sviluppata da aziende generiche in India.

Rimane anche un punto interrogativo sul rischio di sviluppare resistenza a questi trattamenti del virus che dà origine al Covid-19.

– Vento nelle vele –

A metà aprile, Albert Bourla, CEO di Pfizer, ha previsto un futuro radioso per trattamenti come Paxlovid quando la malattia diventa endemica, ma anche a causa della stanchezza del vaccino.

Pfizer è accusata, come i suoi concorrenti, di privare i paesi meno ricchi del suo vaccino anti-covid a RNA messaggero per servire i paesi ad alto reddito, e ha stipulato accordi di licenza sotto gli auspici delle Nazioni Unite che consentono di produrre una versione generica. più economico di paxloved.

Ma l’OMS “raccomanda caldamente” che Pfizer vada avanti con prezzi e contratti più trasparenti e una base di licenze ampliata in modo che le aziende più generiche possano produrre il farmaco.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Meglio all’ombra – Il condotto uditivo

La giustizia francese emette mandato di arresto internazionale contro l’ex CEO di Renault