in

L’OMS sosterrebbe “l’aborto incondizionato fino a nove mesi” come sostiene France Soir?

“Quasi tutti i decessi e le lesioni derivanti da un aborto non sicuro sono completamente prevenibili”, ha osservato l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) il 9 marzo, presentando una nuova serie di raccomandazioni, basate su diversi studi, volte a promuovere l’accesso all’aborto in tutto il mondo. . Un documento ripreso in particolare dal blog France Soir, che titolava il 29 marzo: “Aborto incondizionato fino a nove mesi raccomandato dall’OMS”.

Questo articolo del blog online, che si batte principalmente per l’uso dell’idrossiclorochina nella lotta al Covid-19, è stato condiviso più di 2.500 volte su Facebook, secondo lo strumento Crowdtangle. Questo articolo è anche parti di Jérôme Rivière, eurodeputato e portavoce di Eric Zemmour, notato da LCI.

L’OMS raccomanderebbe anche di limitare i diritti degli operatori sanitari di rifiutare l’aborto per motivi di coscienza o di “smettere di richiedere alle donne l’approvazione di un medico o di un’infermiera per abortire”. Queste affermazioni erano già state avanzate qualche giorno prima sul quotidiano britannico La posta di domenicaappartenente allo stesso gruppo del Mail giornaliera.

FALSA

Sulla base di studi, l’OMS raccomanda di revocare le scadenze per l’interruzione della gravidanza, poiché ritardano l’accesso all’aborto o influiscono sulla salute delle donne. L’organizzazione internazionale osserva che “le gravidanze possono essere terminate in sicurezza indipendentemente dall’età gestazionale. [qui correspond au nombre de semaines après les dernières règles] Aggiunge che “i limiti di gravidanza non si basano su prove”.

Per formulare questa raccomandazione, che l’organizzazione aveva già formulato in un precedente rapporto pubblicato nel 2012, l’OMS ha esaminato 21 studi pubblicati tra il 2010 e il 2020 e condotti in sette paesi (Austria, Belgio, Messico, Nepal, Sud Africa).Africa, Regno Unito e Regno Unito). Stati). Fissare un limite di età per l’età gestazionale ritarda l’accesso all’aborto, “in particolare tra le donne che desiderano abortire più tardi nella vita, le donne che si avvicinano al limite di età gestazionale e quelle che vivono in aree in cui l’accesso alle cliniche è limitato. Queste disabilità sono anche associate “con un aumento dei tassi di mortalità materna e scarsi risultati sulla salute”.

“Limitare l’accesso all’aborto non riduce i tassi di aborto”

Alcune donne che desiderano interrompere una gravidanza sono particolarmente colpite da queste limitazioni: donne con deterioramento cognitivo, adolescenti, donne più giovani, [celles] vivere più lontano dalle cliniche, [celles] che devono viaggiare per l’aborto, [celles] con un livello di istruzione inferiore”, e infine “ [celles] avere problemi finanziari e [celles] disoccupato”.

L’OMS sottolinea a 20 minuti che “quando i servizi sono disponibili e accessibili, la maggior parte degli aborti avviene in una fase precoce”, rappresentando “più del 90% degli aborti” nei “paesi ad alto reddito”. L’organizzazione ricorda inoltre “che limitare l’accesso all’aborto non riduce il numero di aborti, ma aumenta la probabilità che donne e ragazze ricorrano a sostanze pericolose”. Sottolinea che “ogni anno vengono eseguiti più di 25 milioni di aborti non sicuri, mettendo in pericolo la vita e il benessere di donne e ragazze in tutto il mondo. †

Revocare l’autorizzazione di terzi per promuovere l’accesso all’aborto

L’articolo di France Soir contiene altre affermazioni su queste raccomandazioni dell’OMS. Dice che l’organizzazione sosterrebbe la fine della richiesta alle donne di avere l’approvazione di un medico o di un’infermiera per sottoporsi all’interruzione della gravidanza. Nella sua Raccomandazione n. 7, l’OMS raccomanda che tutti i consensi all’aborto siano revocati da qualsiasi terza parte, sia che la terza parte sia “un genitore”, un “coniuge” o anche un “operatore sanitario”. Anche in questo caso, l’OMS si è basata su studi, per un totale di 32, che dimostrano che questo tipo di consenso ritarda l’accesso all’aborto.

L’OMS raccomanderebbe anche l’introduzione di sistemi di “pillole nella posta” in modo che le donne possano ottenere farmaci per l’aborto dopo una telefonata”, hanno affermato France Soir e l’OMS. Posta di domenica† Questo metodo non è esplicitamente menzionato nel documento dell’OMS. Lo ricorda l’organizzazione internazionale 20 minuti che “quando l’aborto viene eseguito secondo una modalità raccomandata dall’OMS, adattata alla durata della gravidanza e assistita da una persona dotata delle informazioni o delle competenze necessarie, è una procedura semplice ed estremamente sicura”. Per le prime 12 settimane di gravidanza, l’OMS raccomanda due metodi, compreso l’aborto medico. La donna incinta può gestirlo in sicurezza completamente o parzialmente al di fuori di un’istituzione sanitaria (ad esempio a casa), secondo l’OMS.

Questo aborto deve essere eseguito con il supporto: “Ciò presuppone che la donna abbia accesso a informazioni accurate, a farmaci di qualità e al supporto di un professionista sanitario qualificato (se ne ha bisogno o se lo desidera durante il processo) »

Ultimo punto sollevato da France Soir e de Posta di domenica, l’OMS raccomanderebbe di “limitare il diritto degli operatori sanitari a rifiutarsi di partecipare agli aborti per motivi di coscienza”. Non è esattamente ciò che raccomanda l’OMS: raccomanda di strutturare i sistemi sanitari in modo che l’obiezione di coscienza “non metta in pericolo o ostacoli l’accesso all’aborto”. Tuttavia, avverte che “se si rivela impossibile”
regolamentare l’obiezione di coscienza in modo da rispettare, proteggere e soddisfare i diritti dei richiedenti l’aborto potrebbe rendere indifendibile l’obiezione di coscienza all’aborto.

In Francia l’aborto è praticato fino alla quattordicesima settimana dopo il primo giorno dell’ultima mestruazione, cioè dodici settimane di gravidanza. Prima di un aborto sono necessarie due visite mediche, a cui si aggiunge un colloquio psicosociale per minori. Una donna che vuole interrompere una gravidanza non deve pagare nulla, i costi sono rimborsati al 100% dall’assicurazione sanitaria. Infine, dopo l’aborto si svolge una visita di controllo.

Un’interruzione medica di gravidanza (IMG) può anche essere eseguita in qualsiasi momento durante la gravidanza, afferma il sito Web Servicepublic.fr. Questo è possibile in due scenari: quando “il proseguimento della gravidanza mette in serio pericolo la salute della donna”, oppure quando “vi è un’alta probabilità che il nascituro sia colpito da un grave riconosciuto come incurabile”.


What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Ariane Moffatt e la prossima generazione

A Boutcha, i residenti tornano dopo la partenza dei “bastardi”