in

quando i rituali funebri diventano high tech

pubblicato giovedì 21 aprile 2022 alle 06:59

Masayo Isurugi si sistema in un chiosco al sesto piano di un elegante palazzo di Tokyo, si identifica con una chip card e aspetta che un sistema automatizzato le offra una scatola contenente l’urna del marito.

La vedova di 60 anni fa parte del piccolo ma crescente numero di persone in Giappone che scelgono di abbandonare i tradizionali riti funebri e le volte di famiglia spesso nelle zone rurali a favore di strutture come Kuramae Ryoen.

Mentre la signora Isurugi attende in cabina, dietro la parete un trasloelevatore automatizzato si muove quasi in silenzio e seleziona lo “zushi”, la scatola contenente l’urna contenente le ceneri di Go, suo marito.

Poi si aprono bellissime porte scorrevoli in legno, come un ascensore in un hotel di lusso, rivelando uno scintillante altare di pietra nera con lo “zushi” richiesto al centro, mentre un’immagine di Go appare su uno schermo accanto ad esso. †

“All’inizio ho pensato che forse questo tipo di servizio non fosse caloroso e forse avrei preferito avere una tomba tradizionale nel terreno”, ha detto la signora Isurugi all’AFP.

“Ma ora penso che sia meglio avere un posto dove posso andare quando voglio pregare, piuttosto che un caveau di famiglia che potrei visitare raramente”, perché è un viaggio in treno di due ore, aggiungono loro.

– Tombe tradizionali trascurate –

In Giappone, è consuetudine che le ceneri di una persona deceduta vengano poste in un caveau di famiglia che è stato utilizzato per diverse generazioni. I figli maggiori sono generalmente responsabili del mantenimento della tomba e pagano annualmente il cimitero.

Tuttavia, l’invecchiamento accelerato della popolazione giapponese e l’esodo rurale ha creato uno squilibrio tra il numero di tombe da mantenere e il numero di giovani pronti a prendersi cura di loro.

“Ho un cimitero tradizionale in questo tempio, con circa 300 tombe”, ha detto Tomohiro Hirose, un monaco buddista del tempio che guida anche i servizi di Kuramae Ryoen.

“Ma non ci sono parenti sopravvissuti per mantenere circa la metà delle tombe. Il trasferimento della famiglia è andato perso. E presto saranno trascurati o lo sono già”.

Di fronte a questo problema sono emersi cimiteri più moderni, che offrono di conservare le ceneri per un periodo di tempo, fino a tre decenni in generale.

Le ceneri sono conservate in colombari collettivi. Ma i nomi di ogni defunto, anche i codici QR, sono incisi su targhe personali, e i monaci continuano a pregare per le anime dei defunti.

– Buddha luminosi su ordinazione –

Dietro le cabine di meditazione di Kuramae Ryoen si nasconde un magazzino automatizzato degno di un gruppo industriale, capace di immagazzinare 7.000 “zushi”, ognuno dei quali può contenere le ceneri di diversi membri della stessa famiglia.

Il dispositivo è stato fornito da Daifuku, un’azienda giapponese di sistemi logistici che si considera la prima a fornire una soluzione così automatizzata per un tempio giapponese negli anni ’90.

Da allora, Daifuku ha “costruito tali sistemi per circa 60 cimiteri” in Giappone, ha detto all’AFP Hidenobu Shinnaka, un funzionario dell’azienda, aggiungendo che anche altri paesi asiatici sarebbero interessati.

Questi cimiteri di nuovo tipo hanno un altro vantaggio per le famiglie: il loro costo. L’acquisto di un posto in uno di essi costa l’equivalente di circa $ 6.500, la metà in meno di una tomba convenzionale, secondo Kamakura Shinsho, una società associata ai cimiteri.

In un altro tempio di Tokyo, Kokokuji, più di 2.000 statue di Buddha in vetro adornano le pareti di una stanza ottagonale. Ognuno di loro simboleggia i membri della stessa famiglia le cui ceneri sono conservate sul sito e si illumina quando una persona cara si identifica digitalmente.

L’intero spazio può anche illuminarsi su richiesta o produrre diversi colori tenui per facilitare la meditazione.

La tecnologia non cambierà il modo in cui preghiamo per i morti, dice Taijun Yajima, il monaco dietro la creazione di questo spazio: “Mi chiedevo come queste persone potessero riposare in un ambiente caldo, ed ecco la risposta”.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Cinema. Il regista David Cronenberg vende un NFT di una foto dei suoi calcoli renali

Benzema sbaglia ma il Real Madrid corre per il titolo