in

Quando la Francia conviveva con i mercenari russi del gruppo Wagner in Libia

lL’invasione russa dell’Ucraina ha portato a un esame di coscienza in molte capitali europee sul grado di cecità dei leader presenti rispetto alle ambizioni, comunque mostrate da Vladimir Putin. A Berlino viene messa in discussione la scommessa di Angela Merkel sull’integrazione della Russia attraverso il commercio in quanto ha accentuato la vulnerabilità della Germania piuttosto che incoraggiare un ciclo positivo con Mosca.

Leggi anche: Guerra in Ucraina: i civili lottano per fuggire dalle zone di battaglia e dai bombardamenti russi nel Donbass

In Francia, il dibattito rimane indulgente nei confronti di Emmanuel Macron e “l’architettura di sicurezza e fiducia tra Unione Europea e Russia” che ha presentato a Poutine nell’agosto 2019 e lo ha accolto nella sua residenza estiva a Brégançon. Poco dopo, il presidente francese stigmatizza in ” stato profondo diplomatici che osano mettere in discussione il suo desiderio di un riavvicinamento strategico con Mosca. Questa minaccia sottilmente velata aiuta a sedare qualsiasi critica interna al volontarismo elisiano. Tuttavia, non è in Europa, ma in Nord Africa che si è svolto uno degli episodi più inquietanti di una serie del genere.

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti Dal Sudan al Mali, come la Russia pone le sue pedine in Africa

Tutti uniti per Haftar

La prima guerra civile in Libia, da febbraio a ottobre 2011, ha portato al rovesciamento e all’eliminazione di Muammar Gheddafi, dopo quattro decenni di potere assoluto. Non è stato fino a maggio 2014 che è scoppiata la seconda guerra civile, su istigazione di un ex generale di Gheddafi, Khalifa Haftar, che è stato presto proclamato “maresciallo”. Sogna di incarnare l’ex maresciallo libico Sissi, che è stato appena “eletto” alla guida dell’Egitto con il 97% dei voti dopo aver estromesso il presidente islamista. Denunciando tutti i suoi avversari come “terroristi”, Haftar stabilisce a Tobruk, nell’est del Paese, autorità rivali del governo insediate nella capitale Tripoli. Nel marzo 2016 ha rifiutato di entrare a far parte del governo di unità nazionale di Faïez Sarraj, riconosciuto dall’ONU non appena si è insediato a Tripoli.

Haftar è apertamente sostenuto da Egitto ed Emirati Arabi Uniti, che stanno violando l’embargo internazionale per continuare ad armarlo, e più discretamente da Russia e Francia. Per il Cremlino è una forma di vendetta per la campagna della NATO del 2011 in Libia. Per François Hollande, la collaborazione con Haftar è una parte logica “antiterrorismo” attraverso il Sahel. Nel 2016 tre soldati francesi sono morti in ” servizio ordinato nella caduta di un elicottero delle forze di Haftar a Bengasi.

Leggi anche Articolo riservato ai nostri iscritti Libia a rischio un altro scisma tra “autorità parallele”

Emmanuel Macron, due mesi dopo essere entrato all’Eliseo, riunisce Sarraj e Haftar a La Celle-Saint-Cloud, nel luglio 2017, in nome della riconciliazione tra Tripoli e Tobruk. Non importa che il governo riconosciuto dall’ONU e le autorità de facto del leader ribelle siano messe sullo stesso piano, l’importante è che il presidente francese rompa la situazione di stallo, una speranza che viene presto delusa. Ma il pregiudizio di Parigi a favore di Haftar persiste ed è anche accentuato dalla strettissima vicinanza tra Macron e Mohammed Ben Zayed, l’uomo forte degli Emirati Arabi Uniti i cui leader francesi abbracciano volentieri le liti, in particolare la sua ossessione per l’anti-islamista.

Hai ancora il 49,62% di questo articolo da leggere. Quanto segue è riservato agli abbonati.

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

“Non sono un oratore”: la filippica di JoeyStarr in We’re Live

Il crollo del prezzo della scheda grafica consiste nel dire NO