in

Questo documentario sui dinosauri rivela scoperte sorprendenti

DINOSAURI – Un vero tesoro. Ecco cosa hanno incontrato i paleontologi nel sito fossile di Tanis nel North Dakota negli Stati Uniti. I ricercatori hanno infatti fatto molte scoperte, tra una zampa di dinosauro erbivoro su cui è stata trovata la pelle, o un uovo di pterosauro (rettile volante) con un embrione particolarmente ben conservato. Un’avventura narrata da un nuovo documentario della BBC, in onda venerdì 15 aprile, con il famoso naturalista David Attenborough come narratore.

Ma non è tutto. I paleontologi affermano che queste scoperte risalgono a 66 milioni di anni fa, ovvero il momento preciso in cui l’asteroide che causò l’estinzione dei dinosauri si schiantò. Se non è stato ancora pubblicato su una rivista peer-reviewed, gli scienziati sono sbalorditi dalla scoperta.

Tanis, miniera d’oro fossile

“La precisione di tempo che possiamo raggiungere in questo luogo è al di là dei nostri sogni più sfrenati…” Phillip Manning, professore di storia naturale all’Università di Manchester, ha detto a BBC Radio 4. “Non ho mai sognato in tutta la mia carriera di avere la possibilità di vedere qualcosa (…) di così bello e che racconta anche una storia così meravigliosa”, aggiunge, illustrando l’eccitazione che circonda le scoperte fatte nel sito di Tanis.

Ci sono molti fossili lì, in un notevole stato di conservazione. Innanzitutto, c’è questa zampa di dinosauro, un piccolo erbivoro chiamato Thescelosaurus della famiglia degli Ornithopod. In perfette condizioni, la gamba sembra essere stata strappata via rapidamente, senza alcun segno di malattia o evidenza di predazione, ha affermato Paul Barrett, esperto di dinosauri del Natural History Museum di Londra.Telegrafo.

Altri resti trovati nelle vicinanze includono una tartaruga fossilizzata impalata da un palo di legno, piccoli mammiferi nelle loro tane, pelle di un triceratopo e un embrione fossilizzato di pterosauro nel suo uovo. Per quanto riguarda quest’ultimo, i raggi X hanno determinato che l’uovo di pterosauro potrebbe essere stato sepolto nella sabbia dalla madre, in modo simile a come le moderne tartarughe seppelliscono le loro uova, secondo la BBC.

Tutte queste scoperte hanno in comune il fatto che risalgono alla fine del Cretaceo e sembrano essere state in prima linea all’inizio della fine. Infatti, i fossili scoperti a Tanis contengono molti elementi che indicano che questi animali sarebbero stati presenti alla caduta dell’asteroide che ha causato la scomparsa dei dinosauri, a Chicxulub in Messico.

Lo afferma già uno studio pubblicato il 1 aprile 2019 sul n Atti dell’Accademia americana delle scienze (PNAS), frutto della collaborazione di undici paleontologi.

Scoperte dalla caduta dell’asteroide

Molti animali acquatici e terrestri fossilizzati insieme nel sito di Tanis sembrano indicare che sarebbero morti al momento della caduta del meteorite.

Detriti sono stati infatti trovati sull’intera gamba sopra menzionata, oltre che in un pesce antico. Molto probabilmente sono minuscoli frammenti di roccia fusa, simili a frammenti di vetro sollevati dall’asteroide e bloccati nelle branchie del pesce fossilizzato.

Questi pezzi, noti anche come sfere, sono stati collegati alla posizione dell’impatto dell’asteroide sulla penisola messicana grazie alla datazione radiometrica (la più nota è il carbonio 14). Questo dà una misura dello shock, poiché il meteorite si è schiantato a circa 3000 km da quello che oggi è il North Dakota. Ecco un video che illustra questo disastro:

Inoltre, sembra che siano stati trovati pezzi dell’asteroide. Frammenti sono stati effettivamente trovati nell’ambra e, dopo l’analisi, i ricercatori hanno scoperto che contengono ferro, cromo e nichel, un composto che si trova negli asteroidi.

Per tutti questi elementi, il paleontologo ammira Robert DePlama (ricercatore dell’Università di Manchester che guida i progetti di scavo nel sito di Tanis). “Abbiamo tanti dettagli (…). Guardi la colonna di roccia, guardi i fossili lì e ti riporta ai giorni nostri”, ha spiegato alla BBC.

Un bisogno di ulteriore

Se queste scoperte sorprendono più di uno, alcuni paleontologi chiedono un intervento. In effetti, i reperti nel sito di Tanis “non sono stati ancora provati oltre ogni ragionevole dubbio nella letteratura sottoposta a revisione paritaria”, ha detto alla BBC il paleontologo Steve Brusatte dell’Università di Edimburgo.

Tuttavia, il ricercatore aggiunge che si tratta di uno studio “interessante”, visto che nello studio si sono impegnati grandi nomi della disciplina come Walter Alvarez (padre nel 1980 dell’idea che un asteroide avesse causato l’estinzione di massa).

“Alcuni di questi risultati contano anche se questi animali sono morti il ​​giorno dell’impatto o negli anni precedenti?” Steve Brusatte alla fine si chiede, aggiungendo che “l’uovo di pterosauro con dentro un cucciolo di pterosauro è estremamente raro; non c’è nient’altro di simile in Nord America”.

Vedi anche su HuffPost: questo rettile volante è il più grande mai scoperto nel Giurassico

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

GIPHY App Key not set. Please check settings

ESCLUSO | Ismail Jakobs: “Il Monaco è paragonabile a un club come il Borussia Dortmund”

Benjamin Castaldi affronta M6 dopo essere stato estromesso dal 35esimo anniversario del canale (VIDEO)