in

Recensione Xiaomi TV P1E 55: quanto vale la TV Ultra HD più conveniente di Xiaomi?

La struttura dei sub pixel conferma la presenza di un pannello LCD di tipo VA.

La struttura dei sub pixel conferma la presenza di un pannello LCD di tipo VA.

Questo televisore utilizza un pannello LCD di tipo VA (allineamento verticale). Questa tecnologia di visualizzazione fornisce un buon contrasto bloccando efficacemente la retroilluminazione; in cambio, gli angoli di visione sono più stretti di quelli di un televisore LCD IPS o OLED. Questa TV Xiaomi mostra una perdita di luminosità del 75% a 45°, leggermente superiore rispetto ad altre TV VA – che spesso mostrano una diminuzione di circa il 70%. Solo i modelli di fascia altissima con filtro ottico (Samsung QE65QN95A o Sony XR-75Z9J) riescono a migliorare gli angoli di visuale di un pannello VA. In ogni caso, è molto lontano da ciò che offre la tecnologia OLED e la variazione del 25% a 45°.



Lo Xiaomi P1E mostra un’immagine media. In modalità film i colori non possono essere considerati accurati, ma la deriva è comunque limitata (delta medio E misurato a 3,7). Purtroppo non si può dire lo stesso per la temperatura colore, che con una media di oltre 11.000 K – molto lontana dai 6.500 K di riferimento – si traduce in un’immagine molto fredda con una forte spinta blu. Anche la curva gamma è instabile con grigi scuri nascosti e grigi chiari sovraesposti.

Il motore di ridimensionamento consente di ridimensionare i contenuti SD, HD e Full HD per visualizzarli correttamente su questo pannello Ultra HD. Questo motore è abbastanza semplice e fornisce un’immagine abbastanza sfocata e molto liscia. Fortunatamente, non distorce la fonte originale e limita gli artefatti. Sul lato della compensazione del movimento, il motore fa del suo meglio per limitare gli urti, ma in assenza di un pannello a 100 Hz non riesce a migliorare la nitidezza. Il 50 Hz impedisce l’inserimento di immagini nere tramite la scansione in controluce. Le varie modalità di compensazione del movimento (chiamate “motion smoothing”) non sono realmente efficaci. Inoltre, la minima modifica nell’impostazione fa sì che il televisore passi alla modalità “personalizzata”, perdendo i colori quasi accurati della modalità film.

Xiaomi P1E 55 è compatibile con i segnali HDR10 e HLG. Ignora i formati che supportano i metadati dinamici (HDR10+ e Dolby Vision), che sono comunque molto utili sui televisori entry-level.



Come per tutti i televisori entry-level, la qualità dell’immagine in HDR è molto scarsa; l’errore di un picco di luminosità è limitato a 320 cd/m² risultando nell’immagine a causa di una debole dinamica tra le zone che dovrebbero essere molto luminose e le zone scure. Questo televisore si prende anche alcune libertà rispetto a seguire la curva EOTF di riferimento (in giallo), poiché mostra un’immagine sistematicamente meno luminosa di quanto richiesto. Quando il segnale richiede una luminosità di 100 cd/m², il televisore è soddisfatto con una luminosità di 60 cd/m². Di conseguenza perdiamo molti dettagli e il tutto è generalmente sottoesposto, il che è un peccato per un’immagine HDR. È un peccato, perché con un Delta E medio di 4,2, i colori sono rispettati abbastanza bene, cosa piuttosto rara sui televisori HDR entry-level.

In termini di copertura colorimetrica, è ancora una volta molto lontana dai modelli di fascia alta e persino dai suoi concorrenti diretti di fascia media. Lo Xiaomi P1E si accontenta di coprire il 51% dello spazio colore Rec.2020 e il 69% del DCI-P3, lo spazio utilizzato principalmente da cinema e serie. In confronto, il TCL 55C725 mostra il 69% delle sfumature dello spazio Rec.2020 e l’86% di quelle del DCI-P3.

Il tempo di persistenza misurato a 19 ms è molto lontano dai migliori LCD sul mercato come il Samsung QE65Q85R e il Sony KD-75XG9505 che arrivano fino a 11 ms. Questo tempo di bagliore residuo molto elevato viene riflesso nell’immagine da una scia dietro gli oggetti in movimento (effetto immagini di fantasmi

Il ritardo di visualizzazione non è migliore. I 53 ms si traducono in poco più di tre fotogrammi dietro la sorgente (a 60 Hz), rendendo la TV incompatibile con i videogiochi di rete concorrenti. Il videogioco da solista rimane praticamente fattibile.

Corrispondenza dei colori – Modalità di gioco

Corrispondenza dei colori – Modalità di gioco

Corrispondenza dei colori – Modalità di gioco

Impostando la temperatura del colore su “Caldo”, la TV visualizzerà colori quasi accurati in modalità gioco (Delta E medio di 4,2). Tuttavia, la gamma rimane irregolare e la temperatura del colore è ancora troppo alta (oltre 11.000 K).

In definitiva, questa TV non è una buona compagna di giochi.

Xiaomi TV P1E 55 TV.

Xiaomi TV P1E 55 TV.

Questo televisore ha un design abbastanza classico, opaco, senza false note. Il perimetro è in plastica nera abbastanza ben rifinita, mentre i piedini sono in plastica.

La cornice dello schermo.

La cornice attorno allo schermo non è particolarmente sottile, ma è tutt’altro che grossa. Ancora più interessante, le finiture sono buone per una TV in questa fascia di prezzo e l’assemblaggio è ben fatto.

La televisione di fronte e di profilo.

La televisione di fronte e di profilo.

Con il suo sistema di retroilluminazione Direct-Led, Xiaomi TV P1E 55 non è esattamente sottile. La dimensione del mobile tv è legata a quella delle gambe. Conta su una profondità di 26,7 cm. Questo televisore è quindi perfettamente a suo agio sul nostro mobile TV di riferimento (160 x 40 cm).

Il dorso in plastica nera con i connettori a destra e l'alimentatore a sinistra.

Il dorso in plastica nera con i connettori a destra e l’alimentatore a sinistra.

La parte posteriore è molto classica. La plastica nera è essenziale. C’è l’alimentatore a sinistra e i connettori a destra, in basso e di lato. Il televisore è compatibile con i supporti a parete VESA 300 x 300 mm.

La connessione.

La connessione è composta da tre ingressi HDMI 2.0b (HDCP 2.2 e HDR), tre porte USB 2.0, un’uscita audio digitale ottica, un ingresso composito, una porta Ethernet, un’uscita cuffie, una porta PCMCIA (Common Interface CI+), nonché come le connessioni TNT/cavo e antenna satellitare. Questo modello è dotato di un sintonizzatore DVB-T/T2/C/S/S2, oltre a Wi-Fi e Bluetooth.

L'interfaccia Android TV.

L’interfaccia Android TV.

Xiaomi TV P1E 55 utilizza Android TV nella versione 9.0, ma utilizza la nuova interfaccia Android 11 con una raccolta di contenuti e consigli personalizzati. Il sistema Android TV è uno dei più completi sul mercato e soprattutto quello che offre il maggior numero di applicazioni. Inoltre, il Chromecast integrato consente di ricevere e visualizzare un flusso video inviato da smartphone, tablet o computer. Sorprendentemente, il sistema è fluido su questa TV entry-level, cosa tutt’altro che valida per tutti i prodotti in questa fascia di prezzo. Resta ora da vedere se la fluidità sarà ancora reale nel tempo, soprattutto con soli 8GB di storage e 2GB di RAM.

L'app PatchWall di Xiaomi.

L’app PatchWall di Xiaomi.

Lo Xiaomi P1E ha anche un rivestimento interno che dovrebbe renderlo più facile da usare. Questa interfaccia è accessibile tramite il pulsante in basso a sinistra del pad di navigazione, il che non è necessariamente pratico, in quanto questa posizione è solitamente riservata al pulsante “Indietro”. Affrontare gli errori è comune e spesso è doloroso. L’interfaccia PatchWall mette in evidenza le diverse sorgenti – un buon punto – e alcune applicazioni.

Come per tutte le TV Android, il primo avvio richiede più tempo. Qui ci vogliono circa 43 s. Per fortuna la TV si sveglia in 6s, mentre in standby consuma meno di 1W. Ad ogni modo, è molto più lungo dei sistemi webOS Tizen o LG di Samsung, che si avviano in meno di 5 secondi. Infine, come spesso accade, lo standby è istantaneo.

Il telecomando con microfono.

Il telecomando con microfono.

Nonostante il prezzo accessibile, questo televisore è dotato di un telecomando completo con microfono. È molto piacevole da utilizzare con i suoi pulsanti in gomma molto silenziosi e soprattutto il suo microfono integrato, essenziale per sfruttare al meglio le funzioni collegate, soprattutto per eseguire ricerche su YouTube o tramite Google Assistant. Il punto debole sta nella posizione del pulsante “Indietro”, che è stato sostituito da un collegamento all’interfaccia PatchWall che porta ad alcuni errori di elaborazione.

Punti di forza

  • Contraddizione indigena.

  • Android TV abbastanza fluido per una TV di questo prezzo.

  • Telecomando con microfono.

  • Fine.

  • Connessione completa.

  • Consumo.

Punti deboli

  • Taratura di fabbrica non competitiva.

  • Elevato ritardo di input.

  • Tempo di postluminescenza molto elevato.

  • HDR inutile (bassa luminosità di picco, calibrazione perfezionabile).

Come funziona la valutazione?

Il televisore Xiaomi P1E 55″ delude chiaramente. Mentre si notano le capacità e la fluidità di Android TV, oltre alla presenza di un microfono sul telecomando e al ridotto consumo energetico, la qualità dell’immagine è davvero inferiore rispetto alla concorrenza, e è ancora più sfortunato che questo sia spesso il criterio principale nella scelta di un televisore Xiaomi non raggiunge nemmeno il livello di prezzo, in quanto alcuni concorrenti offrono modelli altrettanto ben attrezzati pur garantendo la qualità dell’immagine, e questo ad un prezzo equivalente .

sottonote

  • Qualità dell’immagine

  • HDR

  • Giochi per computer

  • appannamento

  • riflessione

  • Ergonomia

  • Audio

  • Consumo

  • recuperabilità

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

chi ha il miglior calendario nella battaglia per la Champions League?

“Scarborough” e “Transplant” vincono ai Canadian Screen Awards