in

Scholz non ottiene la vaccinazione obbligatoria in Germania

Mentre l’argomento è spinoso in una Germania dove il movimento anti-vaccinazione è fortemente mobilitato, il cancelliere tedesco promette da mesi l’introduzione dell’obbligo di vaccinazione.

Snob per Olaf Scholz: il cancelliere tedesco, già criticato per la sua mancanza di carisma, giovedì 7 aprile non ha messo in atto un progetto di vaccinazione obbligatoria contro il Covid-19, che però era stato in gran parte spogliato dei suoi contenuti.

Un disegno di legge in tal senso, frutto di una promessa del successore di Angela Merkel, ha ricevuto 296 voti a favore ma è stato respinto da 378 deputati del Bundestag. Nove membri della camera bassa del parlamento tedesco si sono astenuti. Il ministro della Salute, Karl Lauterbach, ha assicurato che l’obiettivo della vaccinazione obbligatoria non era “abbandonato o abbandonato“, a “per evitare inutili vittime in autunnoIl fallimento politico è comunque significativo per il cancelliere, che in autunno si era pronunciato a favore della vaccinazione obbligatoria per tutti gli adulti, poi promessa per “fine febbraio o inizio marzo

Partenza improvvisa da Bruxelles

Ma il nuovo cancelliere socialdemocratico non è stato in grado di vincere tutti e tre i partiti nella sua coalizione di governo, che ha riunito socialdemocratici, ecologisti e liberali, né l’opposizione conservatrice. In assenza di una strategia visibile e di un progetto apertamente escogitato dal governo, che ufficialmente si accontentava di sostenere una proposta del gruppo socialdemocratico, il progetto di vaccinazione obbligatoria è stato progressivamente spogliato del suo contenuto durante i negoziati parlamentari. Prima che fallisca completamente. †Raramente assistiamo a una tale debacle politica‘, ha scritto il quotidiano Süddeutsche Zeitung in un editoriale. †Non è solo codardia, ma anche mancanza di serietà“, lamenta il quotidiano, convinto che la vaccinazione obbligatoria sia “Purtroppo“necessario.

VEDI ANCHE – Covid-19: “Il picco dell’onda è in vista”, afferma il cancelliere Olaf Scholz

L’argomento è spinoso in una Germania dove il movimento anti-vaccinazione è molto mobilitato. I liberali del FDP, seppur al governo, esitano da mesi sull’idea della vaccinazione obbligatoria. Tuttavia, sei tedeschi su dieci erano favorevoli, secondo un sondaggio di Civey a metà marzo. Nonostante una proposta per un obbligo in definitiva riservato solo alle persone con più di 60 anni, il governo non ha potuto unirsi attorno al suo progetto di maggioranza al Bundestag. Questa battuta d’arresto alimenterà crescenti critiche alla discrezione e alla mancanza di leadership di Olaf Scholz negli ultimi mesi. Giovedì ha anche suscitato sarcasmo costringendo il suo capo della diplomazia, Annalena Baerbock, a lasciare una riunione della NATO sull’Ucraina a Bruxelles per prendere parte al voto, hanno riferito diversi media.

Questa improvvisa partenza da Bruxelles del popolare ministro ecologista ha quindi offerto ai conservatori una prospettiva. †Che il Cancelliere richiami il Segretario di Stato e dica: no, l’Ucraina non è importante, è più importante che si tenga conto degli interessi politici dei partitiquesto è un segnale del tutto irragionevole, anche per il mondoUn leader del partito Cdu di Angela Merkel, Paul Ziemiak, ha trascinato sul sito del quotidiano Welt.

Delusioni

Continua a peggiorare la situazione sanitaria in Germania, che negli ultimi giorni ha registrato oltre 200.000 nuovi casi di Covid ogni 24 ore. L’incidenza in sette giorni è superiore a 1200. Circa il 76% della popolazione ha ricevuto due dosi del vaccino. Secondo il Robert Koch Institute, solo il 58,9% dei tedeschi ha ricevuto una dose di richiamo contro il Covid. Il governo Scholz ha moltiplicato le delusioni dei giorni scorsi per la pandemia. Il ministro della Salute, Karl Lauterbach, ha quindi rinunciato mercoledì, alla luce delle critiche, a revocare l’obbligo di isolamento dal 1° maggio in caso di contaminazione da Covid-19.

È stato un errore di cui sono personalmente responsabile. Ha dato il segnale sbagliato“che rende questa misura in definitiva”minimizzare la pandemia«Ammetta il ministro della Salute. Il ministro nel governo di Olaf Scholz ha annunciato lunedì che il requisito di isolamento, attualmente sette giorni per un test negativo, sarà revocato dal 1 maggio. Una decisione presa con i rappresentanti dei 16 Länder, ma subito criticata da opposizione e associazioni.


VEDI ANCHE – Covid-19: un tedesco si vaccina 87 volte per vendere i suoi certificati ad antivax

What do you think?

Leave a Reply

Your email address will not be published.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Londra, la National Gallery rinomina un’opera di Degas “danzatrici ucraine”, non russe

Più di 34 milioni di euro recuperati dai truffatori da Urssaf